3 ORE DEL GOLFO RUN – SALO’ 21/06/14

Fresco del rientro notturno dalla Sardegna, sabato 21 partecipo alla 3 ore del Golfo Run, nella categoria staffetta a 3 elementi, in compagnia di Mario e di Giuseppe.

Al via una dozzina di atleti Garda Running, 3 nella categoria singolo e gli altri nove divisi in tre squadre da 3. Prima del via, in un pomeriggio abbastanza caldo, decidiamo di fare un’ora a testa (scopriremo poi non essere una grande idea). Per me è prevista la seconda frazione, dopo Giuseppe e prima di Mario. Il percorso, tutto nel verde sulle colline che ben conosco alle spalle di Salò, è di 2,5 km di continui saliscendi, con pochissimi tratti in piano. Giuseppe porta a termine 4 giri e mi da il cambio dopo circa 56’. Parto e subito scopro che il mio Garmin da i numeri. Dato il tratto iniziale con un fettucciato su prato in forte pendenza non riesce a raccapezzarsi e non mi da la distanza (dopo 300 metri segnala il 1° km …. magari). Parto con un ritmo abbastanza allegro ma già sulla prima salita, quella che porta in mezzo ad un vigneto capisco che sarà un’ora faticosa … molto faticosa. Dopo un tratto in falsopiano ed una ripida discesa affronto la salita più dura che dopo il passaggio attorno alla cascina di mio zio Fausto porta verso Soprazocco. La corro benino e nel successivo tratto in falsopiano (molto falso e poco piano) procedo bene. Segue una ripidissima e sconnessa discesa che affronto con particolare cautela visto lo stato delle mie ginocchia ed il timore di farmi male. Passo dal via in 13’45”9, un ritmo un po’ troppo gagliardo, che pago immediatamente, con il secondo giro chiuso in 15’13”8. La fatica, malgrado i pochi chilometri inizia a farsi sentire, tanto che il terzo giro devo rallentare ulteriormente. Lo chiudo con 16’45” e malgrado cerchi nell’ultimo giro di accelerare un po’ non riesco a far meglio 16’13”. Alla fine per correre i miei 4 giri ho impiegato 1 ora 1’58”07 faticando tantissimo.

Non che su di un percorso simile pensassi di fare un tempone ma sicuramente speravo di faticare meno. Dopo la mia frazione è stata la volta di Mario che leggero come sempre ha messo insieme 5 giri in un’ora e quattro minuti, mancando per un solo minuto la possibilità di fare un giro in più. Alla fine, il nostro team “Le Tartarughe” ha raccolto un decoroso 7° posto tra le terne (vedi classifica). Purtroppo la manifestazione non ha avuto molta partecipazione: è un peccato perché il luogo è davvero eccezionale, una splendida balconata sul golfo di Salò. Probabilmente da molti possibili partecipanti non riescono a cogliere il senso e la formula della competizione.

il percorso (senza il tratto nel vigneto)

il percorso (senza il tratto nel vigneto)

la classifica finale

la classifica finale

Annunci

20/06/14

Mercoledì 11/06 partecipazione alla corsa Hinteland Gardesano a Muscoline “Tra bosco e Stelle”: riscaldamento lungo (2,29 km) e poi corsa di 7,6 km con tanta salita (D+ 157 m)

e discese sterrate da affrontare con cautela. Corro tutta la salita con Valter ma poi nel falsopiano centrale mi va via e non riesco a seguirlo. Scendo perciò abbastanza cauto e senza esagerare tanto che a meno di un km dall’arrivo mi trovo nel mirino di Fabio. Non so se aspettarlo o no ma poi decido che è un ottimo stimolo per un bell’allungo finale (600 metri in 2’36” con alcune punte sui 3’40” al km) tanto che Fabio arriva dopo 30”. Tempo totale 43’02”84 (passo 5’39”85) http://connect.garmin.com/activity/538021768.

l'arrivo a Muscoline

l’arrivo a Muscoline

Domenica 15/06 corsa in Sardegna: partenza da Cala Bitta in direzione Baja Sardinia con deviazioni per vedere spiagge e spiaggette (Porto Sole, Baja Sardinia) e rientro attraverso un bel sentiero nella macchia mediterranea. Poi dato che voglio allungare un po’ il chilometraggio salita durissima nei pressi dell’hotel e discesa dalla stessa strada per un totale di 11,07 km in 1 ora 03’05”88 http://connect.garmin.com/activity/538021739.

Martedì 17/06 parto sempre da Cala Bitta con l’idea di fare un giro più lungo. Vado verso Porto Cervo ma subito prima di Poltu Quatu, su un tratto in leggera salita poco prima del 3° km avverto un dolore abbastanza forte al polpaccio destro, tanto che penso di fermarmi. Provo a massaggiarlo un attimo e riprendo piano piano sfruttando anche la discesa verso Poltu Quatu Sembra andare un po’ meglio, anche se avverto dolore ogni passo, soprattutto in salita. Raggiungo Liscia di Vacca

e salgo a Castel Cervo passando dalla vecchia strada e soffrendo non poco sui tornanti finali. Da Castel Cervo prendo la strada principale per Baja Sardinia e rientro in hotel con un totale di 11,92 km nel tempo di 1 ora 6’58”99 (D+ 200 m) ed un persistente dolore al polpaccio che mi farà zoppicare per due giorni. http://connect.garmin.com/activity/538021704 Di conseguenza, anche in previsione della 3 ore del Golfo di Salò che farò a staffetta con Mario e Giuseppe, non riesco ad effettuare ulteriori uscite in terra sarda. Peccato.