28/07/13

La seconda metà del mese di luglio è stata difficile, un po’ per il caldo, un po’ per il dolore al quadricipite che pur non essendo tremendo non accenna neppure a passare. Lunedì 15 sera Corri x Salò allungato fino a Portese (10,77 km), mercoledì 17 giro baia del vento in pausa pranzo (6,51 km) e domenica 21 nuova uscita con Alex con aggiunta un po’ più tirata dopo che lui ha terminato (10,05 km) per un totale settimanale di 27,335 km. Martedì 23 serata in pista a Salò, 10,38 km a 5’30” al km, con i dolore che sembra aumentare. Così mercoledì massaggio sperando di risolvere il problema. Uscita leggera domenica 28, ultima del mese per soli 6,55 km fatti piano e con il dolore che non accenna ad andarsene. Il mese di luglio si chiude così con 112,05 km in 12 uscite, decisamente meno degli ultimi mesi. Il totale da inizio anno è di 934,774 km e con il mese di agosto, salvo imprevisti supererò i 1.000 km, con davanti tanti mesi per andare oltre. Come scarpe alterno le Mizuno Rider 15 alle Ovation, che dopo le iniziali perplessità si stanno rivelando soddisfacenti.

Annunci

14/07/13

La settimana l’ho chiusa con una sgambata defaticante con mio figlio Alex. 5,5 km a passo molto tranquillo che hanno comunque arrotondato i km settimanali portandoli a 34,675.

12 ore podistica di COSTORIO (Concesio) – 13/07/2013

Costorio 0

Per la 12 ore podistica di Costorio abbiamo organizzato una trasferta di squadra, partecipando nella categoria da 7 a 12 elementi. Noi siamo in 10, compresi tre “stranieri” di Gavardo. Dopo una levataccia (verso le 5) giungiamo a Costorio verso le 6,15 in camper io, Gualtiero e Beppe. C’è già un po’ di animazione visto che la gara si inizierà alle 7 per terminare alle 19. Riusciamo a sistemare il camper nel parcheggio della scuola, proprio nell’ultima parte del percorso e dopo aver ritirato i numeri andiamo in ricognizione sul percorso mentre Gualtiero si prepara, essendo il primo frazionista. Il tracciato nella prima parte è alquanto nervoso ed impegnativo con frequenti svolte, saliscendi e marciapiedi. Presenta poi un tratto in un campo ed un argine per raggiungere la ciclabile. Da qui inizia il tratto più facile: ciclabile sul mella in leggera salita e poi svolta nel cortile della scuola con discesa (con qualche curva secca) fino all’arrivo nei pressi dell’oratorio. Quando viene dato il via sta piovendo e l’aria è particolarmente fresca (per fortuna). L’ora passa veloce (per noi che guardiamo) e Gualtiero da il cambio a Beppe alle 8 e qualche minuto (il cambio non è libero e se si arriva prima dello scattare dell’ora o si prosegue o si resta fermi ad aspettare lo scoccare della stessa). Io avevo in programma di riposare un po’ ma alla fine tra servizio fotografico, assistenza a chi corre e accoglienza dei nuovi frazionisti non riesco neppure a sedermi. Alle 9 Beppe da il cambio a Imerio che parte di “onda” (in effetti il percorso ed il passo lento di chi correrà per 12 ore invita a partire veloce, ma poi si paga). Il fresco del mattino se n’è ormai andato ed il sole unito al bagnato del precedente temporale crea una combinazione di afa davvero pesante. Imerio termina abbastanza affaticato dando il cambio a Diego Rossini, calciatore gavardese prestato all’atletica con ottimi risultati. Diego parte davvero forte, tanto che in previsione anche della seconda ora che dovrà fare più tardi, lo “costringiamo” a rallentare un po’. Alle 11 è il turno di Marco Angelini che corre con la consueta grinta e alle 12, sotto una cappa di caldo “asfissiante” è il mio turno. Parto forte, troppo forte, ma tant’è: primo giro in 7’03”1 (sarà alla fine il migliore). Il caldo si fa sentire subito ed il correre praticamente da solo non aiuta di certo. Infatti non riesco ad agganciarmi ad altri concorrenti mentre i “solitari” delle 12 ore approfittano dell’orario per rifiatare camminando, fermandosi a cambiare vestiario e scarpe, divenendo inutili come riferimenti. Mi do una calmata e inanello tre giri molto costanti (7’17”-7’18”-7’21”) ma poi la fatica comincia a farsi sentire e la mie prestazione scade con i successivi tre sempre più lenti (7’29”-7’36”-7’48”). Cerco di dare tutto nell’ultimo giro ma malgrado lo sforzo non riesco a far meglio di 7’23”. Alla fine un risultato dignitoso ma non certo eccezionale: 10,97 km in 59’17”86. http://connect.garmin.com/activity/343074257 Ho finito davvero stanco e soprattutto accaldato. Per fortuna ci sono le docce dell’oratorio a disposizione e riesco a recuperare un po’. Dopo di me è nuovamente la volta di Diego (2° ora), seguito da Fabio, Marilena, William (altro prestito gavardese), Genny e nuovamente Gualtiero per il turno finale. Per quasi tutta la giornata siamo stati in terza posizione, ma nel pomeriggio le squadre locali hanno tirato fuori i pezzi da 90 così che siamo scivolati in 5° posizione chiudendo con 105 giri per un totale di 144,20 km. Ci resta qualche dubbio sull’esatto conteggio dei giri, soprattutto nelle fasi calde del mattino, ma il sistema abbastanza arcaico di rilevazione rende difficile se non impossibile la verifica. Dopo la doccia di Gualtiero, quando ripartiamo, si è scatenato un nuovo temporale, quasi una beffa pensando al caldo delle ore centrali (quasi insopportabile tra le 10 e le 17). E’ stata una piacevole esperienza, in un mondo diverso da quello a cui siamo abituati, che ci ha fatto conoscere una realtà diversa del podismo. Chissà se bisseremo in futuro.

10/07/13

La settimana è iniziata come quasi sempre con l’uscita del lunedì di Corri x Salò, 7,71 km blandi (5’58” al km) anche perché è riaffiorato il vecchio dolore al quadricipite destro. Mercoledì 10 tre giri del percorso “Cisanello” fatti a ritmo un po’ più sostenuto (9,00 km – 5’36” di media) in preparazione della 12 ore di Costorio di sabato 13, dove ci siamo iscritti come squadra (siamo in 10).