24/03/13

Lunedì 18, malgrado le gambe “impastate” Corri x Salò a passo abbastanza moderato (nel 2° gruppetto). Non eravamo in molti ma ha piovuto tutto il giorno ed è già andata bene non aver preso l’acqua durante la corsa. Mercoledì solita uscita in pausa pranzo, con parecchi tratti sull’erba per affaticare meno le ginocchia. Malgrado le gambe dure e dolorose, nonché l’essere partito per fare una cosa leggera e defaticante, chiudo con 6,24 km in 34’56” (5’36” al km). Durante la settimana mi sono iscritto alla mezza serale di Jesolo http://www.venicemarathon.it che si svolgerà sabato 25/05. Avrò il numero 380 rosso! Venerdì sera niente uscita causa ritardo al lavoro, recuperata il sabato mattina con 11,21 km andata e ritorno da casa di Gualtiero a passo tranquillo (5’45” al km). La domenica mattina, con Gualtiero, andiamo a Desenzano per la corsa Hinterland 20° Trofeo Avis Desenzano. Tempo infame con pioggia che al momento del via diventa intensa. Con noi c’è Jenny, conosciuta a corri x Salò. Pronti via e stiamo correndo a 4’30” al km … va be che è discesa ma … In effetti siamo in coda, è il brutto di queste corse: chi cammina o corricchia parte prima e se parti con i competitivi ti trovi subito in coda. Scendiamo verso il lago, passiamo sul lungolago ed iniziamo a risalire verso la stazione.  Piove sempre più forte e proseguiamo di buon passo, superando la ferrovia. Malgrado la partenza sparata sto bene e quando ci raggiunge Gualtiero e Jenny inizia ad essere un po’ provata (5° km) io proseguo del mio passo ed in breve guadagno parecchi metri. Passiamo nei pressi delle Vele e proseguiamo tra i capannoni. Ci sono parecchi punti in cui quasi si incrociano il percorso di andata e quello di ritorno e parecchi ne approfittano per tagliare vari pezzi … non fa per me. Piuttosto sto a casa. Finora il fondo è stato quasi esclusivamente asfaltato, a parte qualche breve tratto di sterrato solido, ma dal 7 km e mezzo entriamo nei campi, trovando fango a più non posso. Non mi fermo al ristoro (8° km) e proseguo rallentando un po’ per non rischiare cadute o scivoloni. Supero discretamente una lunga salita e lanciando un occhio al cronometro vedo che al 10° km esatto passo in 54’00”, niente male. Ormai manca poco (considerando anche che non ho fatto partire subito il garmin alla partenza ma solo dopo 300/400 metri). Ripasso la ferrovia e giù in discesa verso l’arrivo: 57’00”74 per 10,57 km (5’23”63 al km), davvero niente male.

l'arrivo a Desenzano

l’arrivo a Desenzano

Sono bello bagnato e infangato (povere scarpe) ma contento perché in questo periodo, a parte i solito leggero fastidio alla schiena, le gambe girano e non faccio fatica. A proposito, sul premio partecipazione stendiamo un pietoso velo: capisco la crisi ma si va sempre peggio! Anche questa è stata una buona settimana con 35,22 km corsi (già superati i 124 da inizio marzo).

Annunci